Traffico e Consigli per viaggiare in autostrada

1. Introduzione al viaggio in autostrada

Viaggiare in autostrada richiede delle attenzioni maggiori rispetto alla guida della propria auto in condizioni cosiddette normali. Infatti possiamo affermare che la maggior parte degli automobilisti impiega la propria auto per recarsi al lavoro, fare la spesa, portare i propri figli a scuola, andare in palestra.

Insomma, tutte attività svolte in città dove, velocità limitata e presenza costante di assistenza (officine, telefoni, acqua, etc.), consentono al guidatore di affrontare il tragitto, di norma molto limitato, quasi sovrappensiero.

Viaggiare in autostrada implica però, per sua stessa natura, caratteristiche tali che impongono all’automobilista di effettuare dei controlli preventivi e adottare alcune precauzioni se vuole essere certo, al di là di ogni ragionevole dubbio, di arrivare, sano e salvo e in tempo, a destinazione. Di seguito elencheremo le principali. Prima di mettersi in viaggio consigliamo sempre di visionare il traffico real time del vostro tragitto.

2. Efficienza dell’automobile

Quando si viaggia in autostrada, i chilometri saranno molti, le condizioni meteorologiche potranno cambiare lungo il percorso, e la velocità raggiunta sarà mediamente considerevole, nel rispetto dei limiti. Per queste ragioni e’ opportuno che le condizioni dell’automobile siano perfette.

  • Il controllo preventivo della gommatura
  • dell’impianto frenante
  • delle luci
  • dei livelli dell’olio
  • controllo generale presso officine qualificate risulta quanto mai opportuno.
  • D’estate verificare attentamente la presenza di liquido tergilunotto, soprattutto se si viaggia di notte. Infatti, la presenza di sciami di insetti notturni in grande numero, causa il loro impatto sul lunotto, deteriorando in poco tempo la visibilità, soprattutto quando si incrociano altre autovetture.
  • Inoltre, se si viaggia con bagagli al seguito, questi dovranno trovare posto esclusivamente nel portabagagli. Oggetti anche piccoli caricati nell’abitacolo, si possono trasformare in proiettili micidiali in caso d’urto.

3. Efficienza dell’automobilista

La guida è un’attività che richiede lucidità, attenzione e una perfetta efficienza fisica. Bisogna essere riposati, aver dormito bene, per evitare colpi di sonno, e non aver fatto uso ne di sostanze alcoliche ne di sostanze stupefacenti. Peraltro il loro uso, se alla guida, si configura come reato penale e prevede come minimo il ritiro della patente.

Se il tragitto dovesse protrarsi per oltre tre ore, occorrerebbe prevedere una sosta breve, dieci minuti circa, ogni due ore, per sgranchirsi le gambe, riattivare la circolazione è ricaricarsi un po’, anche con un buon caffè.

Se si viaggia in due, entrambi patentati, allora è consigliabile scambiarsi il posto di guida ogni due ore. Indossate abiti comodi, non stretti, per evitare di affaticare la circolazione.

Portate con voi occhiali da sole, per non restare abbagliati qualora i raggi del sole colpiscano direttamente il viso.

Se viaggiate di notte e fate fatica a restare svegli, non correte alcun rischio; fermatevi alla prima area di sosta e dormite. I colpi di sonno sono pericolosissimi e tra le prime cause di incidenti stradali.

4. Studio dell’itinerario

Serve principalmente ad individuare, prima di partire, gli eventuali punti critici o pericolosi (lavori in corso, deviazioni, punti di traffico elevato, tunnel, zone con condizioni meteorologiche difficili, come il forte vento o altro) e gli eventuali punti, dove si può fare rifornimento o ricevere assistenza.

Se poi si è in viaggio per diletto e si ha del tempo, potrebbe anche indicarci dove fermarsi per ammirare un bel panorama, un monumento storico, o un evento sociale. E’ vero, ormai i navigatori satellitari forniscono ogni dettaglio necessario all’automobilista che si trovi a viaggiare in autostrada, ma niente da più sicurezza di una bella cartina, soprattutto se il navigatore dovesse andare in tilt.

5. Compagnia

Viaggiare in autostrada può essere molto più piacevole se fatto in buona compagnia. Come detto prima, qualcuno con cui scambiare due chiacchiere e alternarsi alla guida, può essere la scelta migliore. Inoltre, sono ormai diffusissime app che consentono di trovare compagni di viaggio che devono fare lo stesso tragitto e di ammortizzare le spese.

Se poi si è single, tale compagnia potrebbe trasformarsi anche in qualcosa di più e di più duraturo. Se, nonostante tutto, si è costretti a viaggiare da soli, sintonizzare la radio dove si trasmette buona musica e, perché no, aggiornamenti sulla viabilità, può essere una ottima alternativa. Mi raccomando non usate il cellulare se vi sentite soli. Al massimo usatelo, ma poco, con L’auricolare o il viva voce.

Conclusioni

Le raccomandazioni che sono state sin qui elencate per viaggiare in autostrada, vi garantiranno un viaggio piacevole e sicuro. Sono basate sull’esperienza personale di chi scrive e di altri, e sul buon senso. La loro attuazione non vi mette al riparo dall’imponderabile. Per quello provate coi santini sul cruscotto. Buon viaggio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *